martedì 13 maggio 2014

Le 5 domande a cui Walt Disney non ha dato risposta

Noi tutti -biondi e non- siamo cresciuti con le favole Disney che, nel corso degli anni, raccontano sempre e comunque la stessa storia: la principessa sfigata con manie di protagonismo viene aiutata dagli amici -animali e non- a conquistare il bonazzo riccone di turno e a sistemarsi forever senza essere accusate di averlo fatto solo per i soldi perché loro sono innamorate veramente. Anni e anni di cartoni, favole, film ci hanno convinto che forse l'amore esiste veramente e che un giorno anche noi avremmo potuto vivere in un castello gigante serviti e riveriti da uno staff enorme (perché in fondo cazzocene del principe). Ma quelli della Disney non sono stati sempre attentissimi, dopotutto per inserire messaggi subliminari tra un fotogramma e l'altro ci vuole tempo, e dunque nel tempo non hanno risposto a delle domande fondamentali che provocano l'insonna di milioni e milioni di fan:

Biancaneve e i sette nani: cosa se ne facevano i Sette Nani dei gioielli che trovavano nella miniera? Mercato nero? contrabbando? vendevano tutto illegalmente a Valeria Marini? Nessun commento su Biancaneve perché solo un'idiota può assaggiare una mela donata da una vecchia orrenta unta e sudicia, proprio una geniaccia, dunque mi astengo (#neisogni).
Walt Disney Pictures

Pocahontas: come ha fatto Pocahontas a comunicare con -lo gnocchissimo- John Smith se è stata la prima persona inglese che ha incontrato? Avrà acquistato Magic English del collega Topolino?

Walt Disney Pictures


 La Sirenetta: Cosa ha fatto Ariel nel periodo di tempo tra la proposta di matrimonio e il matrimonio vero e proprio? Passa un'intera giornata! E ancora, perché Ursula una volta viveva al palazzo di re Tritone? e come faceva a mettersi lo smalto per le unghie sott'acqua? (#TeamUrsula) E sopratutto, questa si pettina i capelli con la forchetta durante la cena e il principe non pensa che sia una psicopatica? Forse era biondo dentro pure lui.

Walt Disney Picture

Toy Story: perché alcuni giocattoli erano in grado di parlare mentre altri erano totally muti? Quelli senza parola erano Made In China? Insomma, sdi be le leiba, non è una cosa very giusta.

Walt Disney Picture

Frozen: Come mai Olaf non si è sciolto quando si è recato insieme agli altri a visitare i troll? non c'era nemmeno un'ombra ghiaccio! never, manco a pagarla, nemmeno quella artificiale del frigorifero sbrinato! La fisica è una cosa very importante, gente.

Walt Disney Pictures

Insomma, domande importanti, a cui qualcuno, un gruppo di esperti, le famose università americane o almeno Federica Sciarelli, dovrebbe trovare una risposta. Nel frattempo, potete leggere la lista completa con le 24 domande rimaste irrisolte cliccando qui e magari potete provare pure a cercare qualche risposta, magari la Disney lo viene a sapere e vi ricopre di soldi, non si sa mai.

Baci stellari a tutti voi, Vincenzo.

Sources: BuzzFeed.com|Walt Disney Pictures

Nessun commento:

Posta un commento