venerdì 20 giugno 2014

Cooking with Crista #8 In cucina con lo staff.

Ebbene si, lo staff dell'Aspirate Biondo si è messo ai fornelli!
Purtroppo non eravamo al completo, sembra strano ma siamo un po' dislocati per l'Italia e, udite udite, abbiamo una vita sociale!
Insomma, il nostro "show cooking" è iniziato domenica scorsa con un invito a pranzo, sciuè sciuè, direttamente dall'Aspirante Biondo in persona che si è cimentato con degli antipastini sfiziosi, direi molto facili e già ampiamente visti ma apprezziamo lo sforzo di chi ha suggerito come ricetta lo scongelamento di una pizza surgelata (per rileggere clicca qui).

Foto di Marilea
Ma poi ha risollevato le sorti della sua cucina con una pasta al forno oserei dire "quasi buona". I miei suggerimenti e consigli li ha ascoltati, almeno credo, quando gli parlavo sembrava interessato, quindi attendiamo un nuovo invito per testare i miglioramento.
We trust you, Blonde! 


E siccome da cosa nasce cosa...
Lunedì sera lo staff si sposta nella cucina de I Mangiarini e ai fornelli si è cimentata, con Crista, Marilea.

Per una veloce cena tra amici Marilea ci ha proposto il POLLO ALLA BIRRA. E' una ricetta a cui la nostra "intellectual blogger" del lunedì è molto affezionata.

Ingredienti (per 6 persone): 6 Cosce di Pollo - 6 Sovracosce di pollo - 3 Cipolle (bionde o rosse) - 1 Birra Bionda da 33 cl - Olio Evo - Sale.


Preparazione: in una padella capiente Marilea ha messo abbondante olio EVO dove ha stufato le cipolle, tagliate grossolanamente. Ha aggiunto il pollo, lo ha fatto rosolare e poi ha versato la birra, fino a coprire 2/3 della carne. Ha fatto cuocere fino a quando la birra non si è assorbita e non ha formato una crema con le cipolle, a fuoco medio e senza coperchio. Ha servito il pollo accompagnato da Patate al forno condite con olio EVO, sale, pepe nero e cumino.


Ecco il piatto finito di Marilea. Un aspetto da acquolina in bocca!!!

Ma non finisce qui. Siccome noi dell'Aspirante Biondo ci trattiamo bene io, Crista, ho preparato un dolce delizioso e bello!

CROSTATA ALLA FRUTTA

Ingredienti: pasta frolla 400 g Farina 00 - 200 g Burro - 200 g Zucchero - 2 Uova intere + 1 Tuorlo - 1 Limone grattugiato - 1/2 bustina Lievito per Dolci.
crema: 1/2 l di Latte intero - 4 cucchiai colmi di Farina 00 (o 2 di farina e 2 di fecola) - 4 cucchiai di Zucchero - 1 Uovo - la buccia di un Limone o Vanillina - 200 ml di Panna da Montare.
Frutta a piacere - Gelatina.

Preparazione: in una terrina metto la farina con il lievito a fontana, la scorza del limone grattugiata e lo zucchero al centro, che vado a lavorare con il burro a pomata (lo tolgo dal frigo 2 h prima), incorporando pian piano la farina. Rompo le uova, impasto molto velocemente. Una volta impastata la avvolgo nella pellicola e la faccio riposare in frigo. 



Nel frattempo preparo la crema pasticcera: lavoro lo zucchero con l'uovo, aggiungo la farina mescolando senza far grumi, la buccia del limone (solo la parte gialla) o la vanillina, metto il latte a filo e porto a ebollizione a fuoco medio e faccio cuocere finché la crema non si addensa. La lascio raffreddare e aggiungo la panna che ho montato, amalgamandola con dei movimenti leggeri mescolando dal basso verso l'alto, perché il composto non si smonti. 
Preparo una teglia da forno foderando la base con la carta forno, stendo la pasta frolla all'interno con le mani, o aiutandovi con un matterello, e coprendo ancora con della carta forno metto su dei fagioli secchi (o altri legumi o, addirittura, sassolini) perché la base della crostata risulti, dopo la cottura, un contenitore. La faccio cuocere in forno preriscaldato a 180° per una ventina di minuti. 



Dopo che la base di frolla si è raffreddata la riempio con la crema e la decoro con la frutta fresca. Se usate frutta bianca come banane, mele, pere... vi consiglio di bagnarle nel succo di limone perché non diventino scure. E qui largo alla vostra fantasia.
Guarnite la torta con una gelatina. Io uso Tortagel di PaneAngeli, molto facile da preparare e con un risultato garantito!
Mettete in frigo a riposare per almeno un'oretta prima di servire.




Delizie per il palato, qui all'Aspirante Biondo. Per primo abbiamo fatto le Trofie al pesto, ma quella è un'altra storia!

Alla prossima settimana,
Crista.

2 commenti:

  1. Nella vita prima di morire bisogna per forza aver mangiato almeno una volta a casa di Crista Calabra. Fidatevi.

    RispondiElimina