mercoledì 16 luglio 2014

Cinemaholic with Fede #6 Qualche serie estiva da vedere!

Spero non vi capiti mai nella vita di dover cercare tirocini (e di conseguenza fare colloqui a destra e sinistra) a Luglio, a Firenze e con 40 gradi. È una cosa bruttissima e dovrebbe essere vietata dalla legge, ma per fortuna la mia permanenza estiva a Firenze sarà breve e tornerò presto al fresco al Sud <3. Comunque, oggi non volevo proporvi la solita recensione ma vi volevo parlare un po' di serie TV. Sì, perché i telefilm sono un altra mia fissa, li guardo da sempre e la cosa si è intensificata da quando sono diventato uno studente universitario. Ne ho guardate e ne guardo tantissime tanto che ho perso il conto. Così come nei film, spazio molto con i generi, dalle trashate tipo PLL (Pretty Little Liars) che molto probabilmente conoscerete (ma quando cazzo si scoprirà chi è A?!? alla 50esima stagione?!?) fino a Once Upon A Time, American Horror Story, Il Trono di Spade e via dicendo. Spesso però mi è capitato di innamorarmi di piccoli gioiellini, misconosciuti e che il pubblico americano non ha saputo apprezzare perchè spesso non superavano la prima stagione (titoli come Pushing Daisies e Bunheads) e non perdonerò mai gli americani per questa cosa. Durante l'estate, e chi è telefilm-addicted come me lo sa benissimo, la maggior parte delle nostre serie preferite va in pausa per poi tornare a fine settembre/inizi ottobre. È proprio però durante la pausa estiva che ne escono di nuove, alcune destinate a vita breve e altre invece che sono davvero invitanti, e oggi vi voglio parlare di due nuove serie, entrambe alla prima stagione, di cui mi sono innamorato. La prima è Penny Dreadful, serie TV horror creata per Showtime e Sky da John Logan. Il primo episodio è andato in onda l'undici maggio scorso.


Il titolo del telefilm si riferisce ai cosidetti penny dreadful, che erano delle pubblicazioni risalenti al diciannovesimo secolo, le cui trame erano sempre costituite da storie spaventose e raccapriccianti. La serie è incentrata su quelli che ormai sono personaggi di pubblico dominio della letteratura gotica inglese e irlandese dell' Ottocento, tra i quali Dorian Gray protagonista del Ritratto di Dorian Gray  di Wilde, Mina Harker  dal Dracula di Bram Stoker, e Victor Frankenstein (con relativa creatura al seguito) dal Frankenstein di Mary Shelley. Le storie di tutti questi personaggi sono intrecciate nella Londra dell'epoca vittoriana, con l'aggiunta di personaggi originali tra cui Sir Malcolm Murray, interpretato da Timothy Dalton, un aristocratico che dà la caccia alle creature soprannaturali che infestano Londra e che ha un'ossessione particolare per i vampiri da quando la figlia Mina (la stessa di Dracula) è scomparsa a causa di questi. Accanto a lui troviamo Vanessa Ives, che è interpretata da una eccezionale e sensuale Eva Green, un amica intima di Sir Malcolm che si occupa come lui di combattere queste forze malefiche e che sembra essere in possesso di doti paranormali. A loro si unisce Ethan Chandler a cui presta il volto il ben noto Josh Hartnett. Questo è un rampollo della nobiltà statunitense caduto in rovina a causa di una giovinezza vissuta negli eccessi. Possiede notevoli abilità di tiro ed è molto più complicato di quanto riesca ad ammettere. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione e merita davvero. A prescindere dalla storia è comunque un prodotto ben realizzato e non banale come potrebbe sembrare a prima vista, perché riesce ad amalgamare in maniera convincente le vicende dei romanzi aggiungendo però spunti e idee originali che non lo rendono "già visto".

Un'altra chicca appartenente sempre al genere horror/fantasy è Salem, trasmessa dal network WGN America e come si può ben intuire è ispirato al famoso processo alle streghe di Salem.


È ambientata nel Massachussets coloniale del diciassettesimo secolo, quando il governo era dominato dai leader puritani. La serie si interroga su questioni come: i Puritani hanno fatto scelte giuste? Le persone punite erano in realtà innocenti?, perché comunque la serie si riferisce a fatti storici  e diversi nomi dei personaggi fanno riferimento a persone realmente esistite in quell'epoca. La serie si incentra molto sulle streghe non presunte ma vere, che erano parte integrante della vita della comunità ma non erano ciò che sembravano. Sullo sfondo troviamo la tormentata storia d'amore dei protagonisti John Alden (Shane West) e Mary Sibley (Janet Montgomery) mentre la "strega" del Puritanesimo trascina la città nell'isteria, orrore e disperazione. Storicamente parlando, il villaggio di Salem e la città di Salem erano effettivamente sotto l'influenza dei Puritani. La gente veniva perquisita e controllata scrupolosamente se sospettata di stregoneria e ciò ovviamente portava discordia. Avevano paura di poter essere perseguitati a causa di qualcosa che avesse offeso la mentalità puritana. La parola strega era quindi un' accusa ritenuta appropriata e comoda per chi si comportava in modi fuori dalla norma. Tra gli altri personaggi da menzionare abbiamo Cotton Mather (Seth Gable), reverendo della città che diventerà amico di John e che sarà cambiato dall'amore per una prostituta e Tituba (Ashley Madewke) strega che convince Mary a sacrificare il bambino avuto da John al diavolo, trasformandola nella padrona di Salem. Da vedere assolutamente.

Per oggi è tutto, vi auguro in anticipo un bel weekend a tutti!

Federico.

Nessun commento:

Posta un commento