lunedì 1 settembre 2014

Il Taccuino di Marilea - Credenza e Magia made in Sud

I popoli meridionali, come si sa, serbano nel loro retaggio di tradizioni, detti e credenze certo la loro saggezza più alta ma anche la loro ingenuità più semplice. La loro cultura è ricca di aneddoti, racconti e leggende che si situano chiaramente sul crinale tra realtà e immaginazione ma che tuttavia vengono raccontati e ascoltati come se fossero veri, forse perché ormai sono diventati sostanza di queste terre. Infatti, tutte queste storie hanno sedimentato su questi luoghi e con il tempo, una realtà diversa da quella reale, inespugnabile da qualsiasi verità logica, magica e surreale, che è servita a sviluppare identità fra chi ci abita e fascino in chi ci viene. Dov'è nata la fantasia? Lì dove l’uomo non è riuscito a fornire spiegazioni razionali al dato reale, lì dove l'uomo ha cercato di dare un ordine al disordine, di fare chiarezza nell'oscurità, di dare una soluzione alla crisi. Insomma, la magia subentra quando una ragione non si trova, per soddisfare quella che Ernesto De Martino in Sud e Magia chiama “una richiesta di protezione psicologica di fronte alla straordinaria potenza del negativo nella vita quotidiana”. 





Ma ora passiamo al concreto per capire meglio dove e come il mondo magico subentra in quello reale nelle terre del Meridione. Mal di testa, sonnolenza, stanchezza, dolori vari, senso di impotenza minacciano la vitalità di un corpo sano? Non si tratta di malattia ma di “affascino”: una forza negativa generata dall'invidia o dallo sguardo di un un maligno e che condiziona la salute dell'obiettivo. Il malcapitato potrà liberarsi di questa forza solo sottoponendosi ad alcuni riti liberatori. Addirittura ci sono vere e proprie “dottoresse dell’affascino”, donne cioè capaci di individuare il maleficio fatto e scongiurarlo con una formula se il maleficio è lieve, con acqua e sale strofinata sulla fronte se il maleficio è potente. Si da il caso che alcune cefalee non siano dovute ad affascino ma al semplice affaticamento dopo una giornata sotto il sole: in questo caso lo scongiuro è meno impegnativo e si attua mettendosi davanti al sole, con braccia aperte e rivolgendo una formula che varia da paese a paese. Per esempio per il mio paese la formula da ripetere è la seguente:

Buon giorno cumpà sole
e pe’ Sante Salvatore
falla passà chiuve e dolore
Padre, Figliuole e Spirito Santo.

Formule e riti simili vengono attuati in caso di altre malattie come infezioni, orticarie o malattie della pelle, mal di pancia o altro, malesseri accompagnati sempre nella mente del superstizioso da senso di agitazione o impotenza dovuto esclusivamente alla convinzione di essere posseduti dalle forze del male: da qui la sensazione di sentire il cuore gonfiarsi, le tempie battere e il respiro raggiungere le orecchie. Si tratta di alterazioni psicosomatiche che una volta che lo scongiuro viene effettuato, si interrompono magicamente (!!!) fornendo al “malato” la sensazione di guarigione fisica.
Tutta una serie di credenze e superstizioni sono legate al momento della gravidanza: se la partoriente passa sul sangue di un animale squartato o sull’acqua di un pesce lavato il bambino che nascerà si ammalerà di anemia, mentre per scoprire il sesso del futuro nascituro si dovrà buttare in pentola un tipo di maccherone fatto in casa e costatare che se il maccherone si dispone nell’acqua bollente dritto il bambino sarà maschio, se si dispone in orizzontale il bambino sarà femmina (ma di verifiche su questo punto ce ne sono a bizzeffe!). Una volta nato, per evitare che il bambino soffri l’invidia altrui si recita la formula “Cresci San Martino!”, che è il santo dell’abbondanza; la prima uscita deve avvenire quaranta giorni dopo il parto per andare in chiesa e lo svezzamento deve avvenire nei mesi dispari d’età. 
Dalla nascita fino alla morte, l’uomo si sottopone a tutta una serie di prevenzioni per fuggire la malasorte che, tuttavia, mica è detto si riesca ad evitare! Le forze imprevedibili si nascondono ovunque, “anche la capra è un animale diabolico” riportava Carlo Levi in Cristo si è fermato ad Eboli “tutti i fruschi sono diabolici dicono i contadini poiché dentro il loro aspetto familiare e noto si nascondono le forze della natura”. Anche alcuni uomini possono sviluppare poteri magici, da cui la credenza che in ogni paese esistessero donne (le cosiddette "maciare") che pur mantenendo sembianze umane, conoscevano usi e segreti di magia, si occupavano di filtri d’amore, pratiche guaritrici e formule magiche (come Giulia la Santarcangelese, detta la Strega per lo stesso Levi). Molte di queste credenze sono scomparse, altre sopravvivono grazie al racconto di persone anziane. Mia nonna ad esempio racconta che sua sorella era caduta in possesso dello spirito di un uomo morto lo stesso giorno in cui le era passato un maialino in mezzo alle gambe. Quel che stupisce è la convinzione e la precisione con cui vengono raccontate queste storie. Certamente bisogna riconoscere che lì dove è ancora presente, la presenza del magico rimane un elemento affascinante e caratterizzante; tuttavia ci si deve stare attenti ad evitare che tale predisposizione alla credenza non limiti il potere decisionale e razionale degli individui, che si abbandonano alla convinzione di essere manipolati dal male o da forze arcane, rinunciando al controllo di sé e facendosi sopraffare da pregiudizi discriminatori.


Nella mia terra, la Basilicata, sussiste la convinzione ad esempio che un paesino nella provincia di Matera, situato alle pendici del Monte Calvario e steso sulla Valle del fiume Sinni, debba essere evitato e scongiurato per il fatto di essere un paese... porta iella! Il paese è Colobraro, meglio conosciuto come “quel paese”, perché nominarlo comporta il richiamo di sciagure e e malasorte! L’aneddoto infatti narra che nel passato, un podestà residente in questo paese, avrebbe affermato davanti a tutti :  "Se non dico la verità, che possa cadere questo candelabro" provocando la caduta del candelabro proprio sulla testa di chi non lo credeva!
Un’altra credenza invece vuole che nel secolo scorso sia stata la presenza delle “masciare” cioè donne che praticavano le arti magiche, tra cui la famosa “Cattre”, ad attirare nel paese delle forze negative. Sta di fatto che l'idea di Colobraro come paese "porta sfiga" è diventata esponenziale nel tempo, tanto che ancora oggi  quando si pronuncia il nome del paese, c'è sempre qualcuno che mette le mani in tasca per grattarsi... gli organi genitali insomma, in segno di scongiuro!
Purtroppo Colobraro è soltanto l’ennesima vittima dei pregiudizi popolari e per questo l’associazione culturale ONLUS “Sognando il Magico Paese” ha deciso da quattro anni di operare una vera e propria rivendicazione esorcizzando il paese non dalla iella ma dalle superstizioni che abita le menti delle persone. Come? Con uno spettacolo itinerante, inserito all’interno di un percorso antropologico, musicale etnico ed enogastronomico e regalando positività e piacere anche al visitatore più spaventato. Il tutto naturalmente con la collaborazione di dirigenti, dipendenti comunali, associazioni, artisti e volontari, coordinati dal Direttore Artistico Giuseppe Ranoia!


Con la giusta dose di razionalità e sarcasmo è possibile convertire questo “mood” superstizioso, tipico delle popolazioni del Sud, in forza aggregante e caratterizzante, da esibire allo straniero più scettico e freddo per regalargli una visione del mondo colorata e fiabesca. Sempre che non rimanga vittima di una maledizione!
 Marilea!

3 commenti:

  1. A me queste credenze mi hanno sempre affascinata, non sempre le seguo alla lettera perchè a ricordarle tutte ci vuole una memoria di ferro però quando sento qualcuno raccontarle mi incanto anche perchè te le raccontano con una tale convizione che...non puoi non crederci; diciamo che rientro nell'insieme di quelli del "non è vero ma ci credo".
    ...Quello che tu hai chiamato "affascino" da me si chiamano "occhi" e non ti nascondo che mia nonna in persona mi ha insegnato a farli con il piatto e l'olio, pensa che avevo un professore che ci credeva, se li faceva fare sempre in classe :D tutte le altre che hai raccontato invece non le conoscevo: paese che vai, usanza che trovi =P (anche sui modi di dire ci sarebbe tanto da raccontare).
    Comunque ne approfitto per dirvi che ci sarebbe un piccolo premio per voi sul mio blog se vi fà piacere: http://thesmelloffriday.blogspot.it/2014/09/the-very-inspiring-blog-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara poiss f., Grazie mille per il premio! è sempre un piacere sapere che con i nostri post riusciamo a strappare un sorriso o un attimo di riflessione ai nostri lettori. Torna a leggerci presto!

      ps. Un grazie speciale anche da Marilea, autrice del post, che ha promesso di rispondere una volta tornata dalla sua "missione universitaria" a Roma :)

      Elimina
    2. ciao poiss f., scusami il ritardo nel risponderti! Mi ha fatto molto piacere leggere quello che hai scritto. Ti consiglio di leggere il libro citato nell'articolo "Sud e Magia" di De Martino, potrebbe piacerti molto! :)

      Elimina