martedì 21 ottobre 2014

Glam & Curves - Quanto amiamo la stagione del "checcazzomimetto?"

Amiche e amici oggi, dopo una settimana di facce allibite e espressioni di disappunto nei confronti dei 30 gradi e sol leone a Ottobre inoltrato, mi sono decisa a scrivere questo post che, come il servizio sull'Estate più calda dal 1970 di Studio aperto, immancabile ogni anno intorno a Luglio, si rivela non solo scontato ma, purtroppo, ultilissimo in questo periodo dell'anno vagamente bipolare.

Oggi è il 21 di Ottobre e io sto scrivendo questo post in asciugamano, capelli bagnati e finestra aperta; giusto questa domenica sono stata al mare e non solo ho fatto il bagno, ma non ho avuto neanche tanto freddo quanto ad Agosto. Tutte queste informazioni ci spingono alla domanda successiva, quella profonda, quella alla quale oggi cercheremo di rispondere: Che cazzo mi metto?



Eh, zia, che ti metti... bel discorso! Per la stagione attuale è importante non fossilizzarsi sul MI DEVO METTERE IL CAPPOTTO PERCHE' È OTTOBRE. 
Di giorno ho notato che, almeno nella ridente Grosseto, si può tranquillamente presentarsi in pubblico con un paio di jeans, e nemmeno di quelli da mezza stagione, ma proprio estivi a bombazza, e una camicetta leggera (non sintetica perché le ascelle non mentono), una t-shirt o una canotta con un cardigan leggerissimo. In alternativa al jeans ci sono tutti quei pantaloni ampi e leggeri, in materiali estivi ma comqunque portabili fino ad autunno inoltrato, 5 tasche o chino. O quel che vi pare.

Per quanto riguarda le scarpe questo è un bel problema, perché è imbarazzante davvero uscire in autunno con i sandali alla schiava o le infradito, quindi vi consiglio una scarpa stringata primaverile, sempre preferibilmente di pelle, e non in "pur plastique", perché l'effetto muschi, licheni e orchi è assicurato. 
Se invece scegliete uno stile più tranquillo e rassegnato alla stagione vi consiglio superga, converse, e tutte quelle scarpette di tela che normalmente sfanculiamo in fondo alla scarpiera da settembre perché "se piove mi bagno i piedini".

Per la sera, che non ci lascia comunque tregua, io mi sono buttata sui vestitini: quelle cosette di H&M da 15 euro a farla lunga fatti di bava di lucertola, assolutamente inutili in un autunno normale, ma decisamente indispensabili in questo autunno 2014. Corti, lunghi, medi, larghi, stretti, maniche lunghe o corte, non cambia assolutamente niente, perché il grado di coprenza e tenuta di calore è pressoché 0. Con questi meravigliosi vestitini potete anche tranquillamente portarvi dietro un cardigan o una giacca non troppo pesante e l'outfit è completo senza stare troppo ad ammattire.

Un'altra volta il problema si presenta per le scarpe, perché di sera non ci possiamo mettere le superga (chi l'avrà deciso poi?!!); quindi dobbiamo puntare su un tipo di scarpa più di tendenza, glam, che abbia un tocco di "so quello che sto facendo", ma non da prendersi troppo sul serio. Quindi sconsiglio il tacco 12, ma anche il 10, e porto la vostra attenzione su un 8 largo e un po strong. Altrimenti i bei vecchi biker boots, che comunque a sole tramontato non sortiranno gli effetti disastrosi del giorno.

Il grado di umidità estrema, poi, mi porta a volervi consigliare anche le mosse giuste in fatto di trucco. 


Se volete evitare l'effetto Joker
scegliete una base leggerissima e pochi virtuosismi.

In questo momento dell'anno il viso è disastrato. Dopo il sole e il sale dell'estate il sebo si sta riequilibrando e siamo continuamente unticce e lucide come i capelli di Anna Wintour. Evitate quindi trucchi troppo pesanti e un contouring intenso, perché con l'umidità le polveri tendono a creare delle macchie poco piacevoli di colore agglomerato, così da farvi sembrare Joker.
Basta una base levigante e una BB, o un fondo leggerissimo, magari a base d'acqua. Evitate anche le cose troppo mat, perché in base allo stato della vostra pelle potrebbero accentuare ancora di più le imperfezioni e creare pellicine. Infine una cipria trasparente e leggera, non troppa; niente trucchi elaborati sugli occhi, ma un bel mascara o al massimo eyeliner o matita. Se potete niente rossetto, altrimenti un mat o un colore nude.

Bene, anche per oggi il nostro appuntamento si conclude e voglio lascarvi con una riflessione  filosofica: Non ci sono più le mezze stagioni. 

XO, Alice.

Nessun commento:

Posta un commento