martedì 18 novembre 2014

Elinor's diary #10 - Riciclo creativo: cappellini fai da te!

Sono caldi e colorati, vanno abbinati, se un outfit vuoi completare, un cappello devi pur indossare! Come avrete capito oggi tratteremo il tema del cappello, ma in che modo? Non mi limiterò a parlarne, bensì vi mostrerò come crearne alcuni da vecchi pantaloni ormai in pensione e sull'orlo del cestino della spazzatura. Anche se per adesso il freddo polare tanto atteso non si è ancora presentato, voci di corridoio narrano di un gelo senza precedenti in arrivo. E allora bisognerà pur correre ai ripari per arrivare preparati! Ma perché doverli comprare, se si possono personalmente realizzare? Importante risparmiare in questo periodo di crisi un po' per tutti e soprattutto riciclare tutto ciò che può ricevere nuova vita. Era un po' di tempo che io e mia mamma cercavamo un modo per riutilizzare un vecchio paio di pantaloni felpati e dopo molti giorni di vuoto creativo, ecco l'illuminazione! Perché non creare dei cappellini? Innanzitutto essendo le gambe del pantalone già  cucite lateralmente, abbiamo una guida dalla quale partire per lavorare. In secondo luogo stiamo parlando di un materiale morbido, ma soprattutto caldo, perciò adatto per la creazione di un accessorio come quello che andremo a realizzare. Il costo sostenuto per questo tutorial è pari a zero: risparmio certo e soddisfazione personale nell'aver creato con le proprie mani il berretto. Inoltre, essendo sempre più vicini al natale, questa potrebbe essere un'idea perfetta per dei piccoli pensierini da regalare alle persone che amiamo. Ma vediamo l'occorrente:
  • Pantalone felpato (in alternativa altri indumenti che ritenete idonei)
  • Forbici
  • Ago e filo
  • Pennarello
  • Decorazioni a piacere
Ho prima di tutto analizzato uno dei miei cappellini per vedere come fosse fatto e ho notato la presenza sulla cupola di due cuciture, come fossero incisioni. Usando il mio cappello come riferimento, l'ho appoggiato sopra la gamba del pantalone e ho tracciato i contorni lasciando però uno spazio più ampio ai margini: è infatti necessario ricordare che le cuciture determinano una perdita di stoffa. 

 
Ho poi disegnato due spicchi nella parte centrale superiore del cappello che servono per dare la forma arrotondata alla punta dello stesso (i due taglietti che avevo precedentemente notato sul mio  campione erano proprio le cuciture ottenute unendo fra loro i lati delle aree tagliate). Ho così ritagliato e cucito ogni parte, anche i due lati della gamba del pantalone che erano già rammendati in partenza. Ma per rendere più comprensibile tutto il procedimento, vediamo le immagini:



 

Il risultato? Eccolo!!!!




Quando realizzate col pennarello il perimetro del cappello, ricordatevi di farlo nella parte interna della gamba, ossia quella che non si vedrà a cappello terminato. Anche le cuciture devono ovviamente essere realizzate mantenendo il pezzo di gamba del pantalone al contrario. Io ho realizzato sia un berretto con cuciture a vista, che uno più classico, con cuciture interne. La decorazione è molto importante perché dà carattere all'accessorio: si può usare qualsiasi cosa, gli avanzi della stessa stoffa per ottenere delle roselline o dei fiocchi, nastri di raso, pietre e pietruzze, bottoni; insomma chi più ne ha più ne metta! Sbizzarritevi! Inoltre, come avrete notato dalle foto, ho pensato di creare anche una fascia, perfetta per chi come me ha le orecchie sensibili al freddo. Ultimo punto di forza? Questo progetto richiede davvero poco tempo per essere realizzato! Perciò forbici alla mano e sprigionate la vostra creatività!!!!!

A presto,

Eleonora


Nessun commento:

Posta un commento