giovedì 18 giugno 2015

Il Taccuino di Marilea - Samantha Cristoforetti, orgoglio italiano

- Nota dell'Aspirante - Attenzione, attenzione!
Il computer di Marilea è rotto. Per questo motivo, alla fine del post, vedete il mio faccione e la mia fin troppo sintetica biografia, ma il post è stato scritto da lei. In pratica me l'ha  mandato via mail affinché potessi pubblicarlo - in ritardo - e insieme abbiamo testato la deficienza della nostra generazione in mancanza di un dispositivo portatile con accesso a internet. 

E poi siamo tutti sotto esame, cercate di comprenderci. 

Buona lettura! 

- L'Aspirante




È passata quasi una settimana da quando Samantha Cristoforetti, alias @astrosamantha ha rimesso piede a terra, dopo ben 199 giorni di navigazione tra le stelle. È tornata sul suo pianeta per prendersi il premio di prima donna astronauta europea a volare in orbita con più giorni consecutivi e quello di prima donna Italiana nello spazio.

È stata Valentina Tereshkova la prima donna a raggiungere lo spazio: aveva fatto 48 orbite attorno alla terra, trascorrendo quasi tre giorni nello spazio. Correva l’anno 1973, erano passati solo due anni da quando un uomo, il grande Jurji Gagarin, per la prima volta aveva volato nello spazio. Le donne così dimostravano subito di non essere da meno in coraggio.
Nel 1984 fu ancora la volta di una russa, Svetlana Savitskaya, ad indossare la tuta da cosmonauta, per ben tre volte, ottenendo il primato per aver effettuato un’ attività extraveicolare (o passeggiata nello spazio) di quasi 4 ore.


Dopo di loro, altre hanno lasciato la terra, alcune americane, due canadesi, una giapponese, una inglese ed una francese ma nessuna italiana. Almeno fino al 23 novembre scorso, quando l’ingegnere Samantha Crisoforetti, capitano dell’Aeronautica militare, si è sganciata dalla terra a bordo della navicella spaziale Soyuz per condurre circa duecento esperimenti a miliardi di distanza dalla terra. Con lei il Russo Anton Shkaplerov e lo statunitense Terry Virts. 

Durante questi mesi di missione abbiamo visto più volte Samantha fluttuare nella sua navicella nella sua ingombrante tuta bianca. Sempre sorridente e simpatica, in tutti i collegamenti Rai, Samantha ha dimostrato grande entusiasmo e affabilità, nascondendo i segni della fatica e del sacrificio. Grazie a lei, l’Italia nei giorni scorsi ha fatto parlare di se in maniera positiva, come non succedeva da parecchio. È lei un esempio di coraggio e forza a cui tutti dovremmo ispirarci. È lei l’esemplare extra-ordinario venuto dallo spazio!

Marilea

Nessun commento:

Posta un commento